Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

martedì 18 gennaio 2011

Effetti positivi della crisi europea

Il mercato azionario europeo torna sui massimi degli ultimi due anni, tutti gli indici nazionali guadagnano con l'eccezione di Grecia e Islanda. I responsabili delle finanze europee decidono di non aumentare il fondo di salvataggio da 750 miliardi di euro. L'attività manifatturiera della zona di New York aumenta a gennaio.

Filippo Ramigni - Analista indipendente a Padova: "La crisi potrebbe anche avere degli effetti positivi nel medio lungo periodo perché costringe gli stati a lavorare assieme, a parlarsi e in effetti a creare un'Europa che, oltre a condividere la valuta, possa pensare a politiche economiche comuni".

- Intesa Sanpaolo, Lottomatica, STMicroelectronics


3 commenti:

  1. A proposito delle agenzie di rating.

    Nel maggio scorso, in piena crisi euro, si leggeva dell'intenzione, da parte dei maggiori paesi UE, di creare un'agenzia di rating europea per sottrarsi dalle tre principali agenzie, americane.

    Fu solo un'invocazione estemporanea oppure c'è un progetto in questa direzione?

    RispondiElimina
  2. Sig.Ramigni mi aiuti lei che io non ci capisco molto: si parla tanto della crescita cinese ma se poi confronto nell'ultimo anno l'indice Shanghai con l'S&P500 il primo è sotto del 15% e il secondo e a +12,58%.
    Mi può spiegare il motivo di questa differenza. Grazie.
    Cordiali saluti,Gianni.

    RispondiElimina
  3. Filippo Ramigni (f.ramigni@tin.it)

    per gianni:
    lei ha perfettamente ragione, l'andamento degli indici borsistici di Shangai e S&P500 sono praticamente identici a conferma di quanto siano correlati i mercati azionari. Si è fatto un gran parlare della crescita cinese visto che la borsa cinese ha fatto registrare i suoi minimi a novembre 2007 e ha iniziato a crescere mentre i mercati occidentali erano nel pieno della crisi manifestando quindi un movimento in controtendenza, movimento che è poi rientrato quest'anno equilibrando la situazione. La crescita in Cina rimane comunque molto sostenuta ma finchè non si ha un incremento significativo nei consumi interni i titoli azionari cinesi continueranno a dipendere molto dall'andamento del mondo occidentale

    per alberto:
    La questione della agenzie di rating rimane lungamente dibattuta anche come conseguenza di ciò che è accaduto nel 2008. D'altronde bisogna sempre ricordare che le tre principali agenzie hanno tra i loro azionisti le principali banche, cioè il controllore che controlla chi deve controllarlo. Detto questo l'istituzione di una agenzia europea di rating sarebbe sicuramente una cosa importante e apprezzabile e che darebbe segnali importanti ad un mercato finanziario che nonostante la grande crisi del 2008 non sembra essere cambiato gran chè. Ma visto che in Europa non riusciamo a trovare accordi per situazione molto più semplici dubito molto che la cosa sia fattibile almeno nel breve

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".