Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 24 gennaio 2011

Costellazione demonio

Il mercato azionario europeo chiude con modesti spostamenti. Utili trimestrali deludenti bilanciano le aspettative di dati economici favorevoli dall'economia americana. Diminuisce inaspettatamente la crescita dell'attività manifatturiera tedesca. Unicredit aspetta un'offerta vincolante per la divisione gestione risparmio entro poche settimane. L'indice della Borsa russa segna il calo maggiore degli ultimi 6 mesi dopo l'esplosione all'aeroporto di Mosca.

Gianluca Braguzzi - Direttore gestioni e strategie di Total Return Sgr a Mantova: "Abbiamo scoperto che una parte del cielo é in mano al demonio e alle forze del male e quindi abbiamo abbandonato la ricerca astrale, preferiamo che il nostro settore rimanga legato ad atti magari illuminati ma più oggettivi".

- Risposta a Giorgio: "Cosa pensa Braguzzi del Siderografo di Bradley?"


9 commenti:

  1. Maurizio Piglia24 gennaio 2011 22:09

    @ Luciano/Gianluca
    I "buy-back" sono positivi principalmente per il prezzo delle azioni, e di conseguenza per i bonus dei top-manager. I "buy-back" non hanno nessun effetto sull'economia reale, non rappresentano un investimento produttivo, sono solo un espediente finanziario!!!!
    Ovviamente, parlando di titoli e di prezzi..hanno un effetto positivo.
    Ma i "buy-back" non creano 1 posto di lavoro in piu'!!!

    Sono contento che Gianluca abbia puntato l'indice sulla vendita di Pioneer...conferma il mio sospetto che Unicredit abbia scheletri nell'armadio piu' grandi di quello che dice.

    Sul Siderografo non mi pronuncio....Gianluca ha detto tutto quello che bisognava dire, statisticamente.

    RispondiElimina
  2. Gianluca Braguzzi25 gennaio 2011 08:48

    Concordo pienamente con Maurizio riguardo ai buy-back che se hanno di positivo il fatto che segnalano auto-fiducia dall'altro sottraggono la liquidità a nuovi investimenti, ricerca e tutto ciò che è volto a creare nuovi posti di lavoro.
    Per quanto attiene invece Pioneer mi sono limitato a un tocco di fioretto perché, voglio pensare, che la fusione con Amundi sia una "bufala"...altrimenti avremmo una doppia aberrazione. Le dimensioni gigantesche a scapito del regolare regime di concorrenza e anche dell'efficenza gestionale ma soprattutto il fatto che i francesi si troverebbero a controllare quelle che fino a poco tempo fa erano le due SGR più grandi di Italia. Stiamo facendoci spogliare di tutti i gioelli in grado di generare utili continuataivi nel tempo: continuiamo così!

    RispondiElimina
  3. Sig.Braguzzi la segue sempre con piacere quì su Vlog e se mi permette vorrei porle una domanda:
    vedendo i vari video su questo sito, con il sig.Piglia ho conosciuto l'esistenza del Baltic Dry Index un paio di mesi fà.
    A parte i problemi che questo indice può aver avuto ultimamente con l'alluvione in Australia, vorrei sapere in base alla sua esperienza se questo indice, che tutt'oggi continua a scendere, può essere usato come un "possibile indicatore" oppure non serve a un tubo.
    Grazie.
    Cordiali saluti,Gianni.

    RispondiElimina
  4. gianluca braguzzi25 gennaio 2011 14:25

    Salve Gianni. Il nostro modello gestionale si nutre di queste cose di elementi statisticamente anticipatori in particolare.
    Il Baltic Dry Index non ne fa parte e quindi non sono in grado al momento di darle una risposta affidabile. Mi ha però stuzzicato a fare una verifica al riguardo. Le farò avere l'esito appena completato lo studio.

    RispondiElimina
  5. Per Gianni: Domani o dopodomani pubblicheremo un articolo sul BDI sul nostro Blog. Se ti interessa fai un salto a visitarci.

    http://csifinanza.investireoggi.it/

    Ciao
    Vergot/Nicola

    RispondiElimina
  6. Grazie Nicola, molto gentile per la segnalazione.
    Le aggiungo questo grafico trovato in rete dove si vede che tipo di correlazione "ci potrebbe essere" tra l'S&P500, il BDI e lo Shanghai.
    Nel periodo 2005/8 il BDI si è posto da cuscinetto tra gli altri due indici; oggi si può dire che negli ultimi mesi lo Shanghai e il BDI hanno una certa somiglianza a differenza dell'S&P500 che è partito nella direzione opposta.
    Link/http://2.bp.blogspot.com/_Uu_0z9hES-o/TUV3z83L36I/AAAAAAAAPI0/k29oLWh1iZE/s1600/Q.gif

    Ciao
    Gianni

    RispondiElimina
  7. Maurizio Piglia30 gennaio 2011 22:12

    E' solo la continua immissione di denaro e i continui stimoli fiscali che tengono lo S&P 500 dove e', con la conclamata ( da Bernanke) intenzione di sostenere i corsi azionari grazie alla QE. Se adesso, pero' i padroni politici di Bernanke dovessero considerare gli effetti collaterali della QE come troppo pericolosi, ( Tunisia ed Egitto), l'unico modo e' di far schizzare il $US verso l'alto e quindi abbattere il prezzo delle materie prime, in dollari,....senza far esplodere i tassi. Sempre piu' difficile...sempre piu' pericoloso.

    RispondiElimina
  8. Buongiorno dottor Piglia,
    qualche tempo fa affermò che pur avendo validissime ragioni per diffidare e far diffidare del rialzo, comunque aveva una quota di portafoglio investita in borsa.
    Se è lecito chiederlo, posso sapere nel suo portafoglio ideale che peso riveste in questo momento la componente azionaria?
    Gliene sarei oltremodo grato.

    RispondiElimina
  9. Maurizio Piglia31 gennaio 2011 10:08

    @Lucio
    45% bond ( ma sia long che short, sia lungo la curva che long corporate e short sovereign..) 45% commodities e natural resources, 10% equity...ma long e short.
    Io faccio total return Lucio e lo puoi vedere qui:
    http://www.savingsandinvestments.co.nz/kauri_toru_units.htm
    e questa e' la mia parte "istituzionale". Faccio altre cose per Family Offices di HNW Neozelandesi...ma non ti sarebbero utili.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".