Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 14 gennaio 2011

Cambiare cavallo in corsa

Il mercato azionario asiatico é in ribasso per la prima volta negli ultimi tre giorni, reagisce all'aumento delle richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti e alle perdite dei titoli minerari seguito al calo dei prezzi dei metalli. La Cina aumenta i requisiti per le riserve bancarie al fine di limitare la liquidità, tre settimane dopo avere alzato i tassi di interesse. Il Fondo monetario internazionale afferma che l'Europa non é ancora riuscita a rassicurare gli investitori sulla crisi del debito. L'azionario americano potrebbe essere il posto migliore per gli investitori che temono le politiche monetarie dei mercati emergenti.

Roberto Malnati - Responsabile gestione Global Opportunity Investments a Lugano: "Sarà sempre più importante distinguere tra i vari paesi emergenti e sarà importantissimo essere flessibili durante l'anno, non andrei negli Stati Uniti  perché il tasso di crescita é modesto e i rendimenti dei dividendi scarsi".

- Risposta a
Copernico1969: "In caso di ristrutturazione del nostro debito perderanno le banche o i cittadini?"
Giorgio: "Prima di esporsi al rischio é forse preferibile rimanere liquidi?"
Lorenzo: "Su quale mercato cinese puntare, con Etf o fondi, e tra i mercati emergenti?"


2 commenti:

  1. Buona sera a proposito di debito Italiano vorrei chiedervi una cosa : ma a quanto potrebbe salire
    il debito Italiano prima che suoni un vero campanello d'allarme ?

    un saluto a tutti.

    Roberto da Cremona

    RispondiElimina
  2. Dott.Malnati come considera il livello attuale del Vix?
    Dobbiamo aspettarci un rimbalzo?
    Grazie.
    Cordiali saluti,Gianni.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".