Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 21 gennaio 2011

Affari incredibili e derivati sul collo

La Borsa cinese recupera dal minimo di tre mesi e mezzo dopo che le valutazioni si erano avvicinate al livello più basso degli ultimi due anni. L'azionario asiatico chiude in calo, l'euro si rafforza e il prezzo dei metalli aumenta. Salgono i rendimenti tedeschi e il costo della difesa dell'euro si avvicina a quello della riunificazione. Le grandi banche portano le municipalità italiane nei tribunali di Londra per dirimere la questione derivati.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "Il salvataggio di un paese europeo fatto comprando a prezzi scontati il suo debito  può risultare addirittura molto redditizio per il salvatore. Mentre l'esposizione al mercato dei derivati delle municipalità italiane é una follia senza alcun senso pratico, assolutamente scandaloso".


3 commenti:

  1. Buona sera.

    Interessante il video, Luciano.

    Due considerazioni ed una domande per gli Esperti.

    I Derivati agli Enti Pubblici Italiani. Un argomento (mi ripeto) oggettivamente serio. Serio perchè misura la Qualità della Democrazia del nostro Paese.

    Cina e Germania collaborano da molti anni.
    Sembrerà strano ma i due Paesi hanno economie strutturalmente simili in quanto Export - Oriented. Inoltre, credo, che i Big Cinesi, oltre che la Mercedes, apprezzino molto il "socialismo tedesco".

    Secondo Lei, il miracolo Cinese è frutto di un modello industriale "agevolato" dalla "bassa lega" democratica oppure dalle riforme economiche iniziate nel 1978?

    Grazie per la risposta.

    Grazie Luciano per lo spazio.

    Aldo

    RispondiElimina
  2. L'inflazione fa paura nei paesi che non crescono; non certo nei paesi come la Cina che crescono del 10% circa all'anno e gli stipendi aumentano ad un tasso superiore all'inflazione.

    La parte iniziale di questa intervista mi ha mandato in confusione e spero che qualche esperto su Vloganza mi dia una spiegazione:
    in tanti video si è parlato che la forte liquidità presente sul mercato è stata messa su investimenti a rischio (azionario)e infatti l'S&P500 è cresciuto fino a 1290.
    Vorrei capire come funziona la cosa:
    la Cina che cresce ma le valutazioni sono a buon mercato, l'anno scorso ha perso il 12% e quest'anno il 6%.
    Non metto in dubbio che in altri tempi sia cresciuta del 200% ma non capisco sta cosa.
    La "crociera perfetta" non esiste?
    Se uno è un morto di fame, gli indici azionari crescono, se invece uno si abbuffa da vomitare....scendono!
    Boh!
    Grazie.

    RispondiElimina
  3. Maurizio Piglia23 gennaio 2011 21:51

    @gianni
    La spiegazione piu' "innocua" e' che i mercati azionari scontano il futuro. Se scontano che la Cina continuera' a cercare di "sgonfiare" la bolla senza farla scoppiare...scenderanno, almeno nel breve periodo., non importa cosa le attuali condizioni economiche dicano.
    Lo stesso vale per il contrario...se uno e' veramente messo male...si comincia a credere che possa solo migliorare.
    Lo so, lo so da me....non e' un mestiere per persone sensate :)

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".