Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 15 novembre 2010

La Germania fuori dall'euro, improbabile non impossibile

L'azionario asiatico si divide tra i due segni, calano i produttori di materie prime e i titoli bancari. Gli investitori speculano sulla possibilità che la Cina possa adottare ulteriori misure per rallentare l'aumento dei prezzi. Il dollaro sale al massimo delle ultime cinque settimane contro lo yen mentre calano le obbligazioni statali americane. Persiste l'incertezza sui bisogni finanziari dell'Irlanda.

Roberto Malnati - Responsabile della gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "La crisi del debito minaccia la stabilità e l'unione dei paesi europei, per quanto possa sembrare fantafinanza è realistico immaginare che la Germania possa uscire dall'euro".


3 commenti:

  1. Alcuni cinesi si stanno comportando proprio come fece il Giappone negli anni ’80 – dice un dirigente di una grande banca – Allora Tokyo, intossicata dalla crescita economica credette nel libro-manifesto ‘Il Giappone numero 1’, pensando di superare l’economia Usa e di comprarsi mezza America. E come è finita? Che il Giappone è entrato in un periodo di ormai quasi 25 anni di depressione.
    La Cina sta vivendo la stessa illusione del Giappone anni 80'?
    Secondo lei dott.Malnati c'è il rischio che in futuro tra Cina e Stati Uniti si crei una cattiva atmosfera per gli affari?
    Grazie.

    RispondiElimina
  2. Ciao, sempre molto interessanti.

    Cosa significherebbe per l'Euro, l'uscita della Germania ? E per la Germania ?

    Si diceva che la Deutsche Bank fosse molto esposta verso alcuni PIIGS, non sarebbe un boomerang ?

    E per gli altri paesi dell'Euro, dopo un primo forte impatto, non potrebbe tramutarsi in una grossa opportunità per l'esportazione dei proprio prodotti ?

    RispondiElimina
  3. Bravo Roberto, attento e lucido come sempre. Dall'ultima parte dell'intervento emerge il nocciolo della questione, più volte richiamato qui a Vloganza: accountability. La differenza tra FED e BCE impone ai paesi membri una grossa riflessione su come uscire da questa situazione che ogni giorno peggiora. La politica del vogliamoci bene è finita proprio per come è iniziata, esistono paesi che non hanno neppure la forza di pagare gli stipendi dell'amministrazione pubblica, immaginiamo il resto. Provocazione: ma siamo sicuri che l'intervento della FED non stia cominciando a dare i primi frutti?
    PS: non mi insulti Maurizio, ma insieme abbiamo notato che qualcosa sta cambiando e sto solo riflettendo ad alta voce.
    Un caro saluto a te Luciano e a tutti gli avventori...

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".