Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 5 novembre 2010

Chiamiamolo con il suo nome, è un bull market

Gli iscritti a libro paga negli Stati Uniti aumentano oltre le stime degli economisti a ottobre ma il tasso di disoccupazione rimane stabile al 9,6% e dal mercato immobiliare arrivano ancora segnali di crisi. Calano le obbligazioni statali, il dollaro sale nel rapporto con l'euro.

Marco Bonelli - Responsabile relazioni estere CL King & Associates a New York: "Tra facilitazione quantitativa, dollaro che scende, valutazioni contenute, azioni più attraenti delle obbligazioni non riesco a immaginare cosa potrebbe fermare questo rialzo".

- Dollar Financial, General Cable, Armstrong World Industries


6 commenti:

  1. Voto 10! Mi ci sono buttato sul video!
    Finalmente un'intervista ad un esperto che poi ti fà dormire senza Tavor*....:D ;)
    Luciano perchè non intervisti più spesso il dott.Bonelli?
    Mi sembra che sia l'unica "campana" positiva in questo momento su Vlog! e ci vuole proprio...



    *Leggi interviste a Piglia,Malnati ecc (dai scherzo!)

    RispondiElimina
  2. secondo me investe solo in buoni postali, mentre le azioni vuole farle comprare a noi

    RispondiElimina
  3. In realtà anche Piglia e Malnati prendono atto della situazione e hanno più volte ammesso che l'unico modo per fare profitti in questo momento sia l'azionario, finché dura.

    E pure Bonelli, come loro, pare essere un po' disorientato sul "dopo". Quando dice: "sono preoccupato di non essere preoccupato", credo non sia lontano dall'esprimere, con altro tono, l'allarme più volte lanciato da Piglia e Malnati e cioè: cosa succederà quando la liquidità finisce?

    Le opinioni divergono forse solo su Bernanke, infatti questo mi sembra essere il primo intervento in cui non viene sommerso da insulti.

    E per riprendere il detto citato da Luciano "compera sulle voci, vendi sulla notizia", forse il momento per comperare sta finendo.

    RispondiElimina
  4. @.. l'allarme più volte lanciato da Piglia e Malnati e cioè: cosa succederà quando la liquidità finisce?....

    Semplice ..si fara' un tonfo anche piu' fragoroso di quello del 2008..ammesso che restera' qualcosa su cui precipitare...
    Ma non disperiamo ..finche' c'e' la fed che olia le rotative possiamo star tranquilli che gli squali hanno sentito l'odore del sangue e per ora si banchetta senza preoccuparsi troppo delle conseguenze.
    La storia si ripete e chi non la conosce e' destinato a subirla.

    RispondiElimina
  5. Maurizio Piglia6 novembre 2010 20:57

    Noto, da Venerdi 5 Novembre, una piccola, ma forse significativa discrepanza. Nonostante la Fed abbia annunciato che comprera' Treasuries a manetta...il rendimento e' salito, cioe' il prezzo e' sceso. Qualcuno li ha venduti....
    E'quello che potrebbe (il futuro breve e' scarsamente prevedibile...quello a lungo lo leggete sul post qui sopra)essere l'inizio dell'"endgame" , il Gioco Finale. Se chi detiene una massa enorme di Bond Americani si convince che Il Forsennato (tie', un'altro insulto a Ben Bernanke)riuscira' a reinnescare l'inflazione....100Miliardi di dollari al mese sono noccioline, e non serviranno ad arginare l'Oceano Pacifico di bond venduti per non farsi distruggere il prezzo in mano. Quello sara' l'inizio della fine del dollaro come valuta di riferimento.Non dico che non sia simpatico veder salire l'eurostoxx 50 di 2 punti percentuali in mezz'ora scarsa..dico solo che e' surreale, e che quando si arriva al surreale...e' meglio , sempre, dubitare che sia vero e duraturo. Tenersi pronti e' bene....perche' , per esperienza, la discesa e' svariate volte piu' veloce della salita. E con il "flas crash" che abbiamo visto di recente, persino i vostri stop potrebbero essere non eseguiti o eseguiti mooooolto in basso se i bid si ritirano completamente.

    RispondiElimina
  6. Caro Marco
    ti devo un favore dal lontano 2002, si chiama TOLL Brothers. Sei sempre un grande. Un caro saluto e ben tornato a New York, dove sicuramente c'è più traffico, ma meno polvere che a Boulder,...e anche meno birra.
    Un saluto Luciano.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".