Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 25 ottobre 2010

L'occidente sta andando verso la giapponesizzazione dell'economia

Le Borse europee chiudono con una maggioranza di segni positivi. I ministri delle finanze del G20 hanno assecondano le speculazioni degli investitori sulla possibilità che la Federal Reserve annunci un nuovo intervento di facilitazione quantitativa durante la prossima settimana. Salgono i produttori di materie prime e aumentano i prezzi di rame e cotone. In rialzo le obbligazioni statali americane.

Sergio Pigoli - Amministratore delegato di Pigoli consulenza a Milano: "Quello che è successo negli anni '80 e '90 in Giappone mostra le stesse cause, gli stessi problemi e le stesse ricette di quanto sta succedendo oggi in occidente, se depuriamo gli effetti dei cambi ci rendiamo conto che la strada purtroppo è quella".


1 commento:

  1. Una domanda a chi vorrà rispondere tra gli esperti intervistati su Vloganza.
    Ho trovato diverso l'intervento fatto dal dott.Pigoli nell'intervista rispetto ad altri video dai diversi titoli ma della stessa sostanza e ve ne cito solo alcuni: "Continuare a stampare moneta" - "Questa liquidità non ha logica" - "La guerra delle valute è inevitabile" - "Gli eccessi sulle principali valute" e mi fermo quì.
    Come detto in precedenza l'intervento del dott.Pigoli al riguardo sulle valute mi è sembrato meno drastico e allora mi sono andato a vedere il grafico Eur>Usd di medio periodo http://finance.yahoo.com/echarts?s=EURUSD=X+Interactive#symbol=EURUSD=X;range=5y
    La domanda che vorrei fare considerato il grafico di questo cambio è questa: in considerazioni dei rialzi e dei ribassi dal 2008 ad oggi vi sembra che ci sia una guerra delle valute o una delle tante "scaramucce" che poi alla fine si aggiustano da sole senza fare "troppa notizia" e se non vi piace la parola scaramucce almeno spiegatemi le scorribande dal 2008 sul Eur/Usd.
    Grazie e complimenti a tutti :)

    Non mi parlate del $/Y x favore.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".