Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

sabato 26 giugno 2010

Congresso Usa raggiunge accordo sulla maggiore riforma finanziaria dagli anni '30

La Camera e il Senato degli Stati Uniti, dopo una seduta durata oltre 20 ore, hanno raggiunto un accordo su quella che si presenta come la maggiore riforma delle regole della finanza dalla grande depressione.

Nella proposta di legge viene proibito il cosiddetto "proprietary trading" delle banche e istituita una nuova autorità di controllo sulle maggiori società di Wall Street: "Financial Stability Oversight Council", il consiglio di supervisione per la stabilità finanziaria, guidato dal dipartimento del Tesoro.

La riforma del sistema finanziario é un argomento destinato a salire tra i primi nell'agenda del G20 in corso a Toronto.

Elena Loddo - esperta di analisi e di prodotti finanziari di Loddo Associati a Cagliari: "Questa riforma é importante perché ridisegna significativamente il controllo sui mercati e sui prodotti finanziari da parte del governo americano".

Correzioni al video:
- Il notional value (valore figurativo) del mercato mondiale dei derivati over-the-counter (la contrattazione di strumenti finanziari che avviene direttamente tra due parti e non tramite una Borsa) é di circa $615.000 mld.
- Le banche commerciali Usa detenevano derivati per un valore figurativo di $212.800 mld nel quarto trimestre, secondo i dati di Office of the Comptroller of the Currency. Jp Morgan Chase, Citigroup, Bank of America, Goldman Sachs e Morgan Stanley detengono il 97% di quel totale.

Nessun commento:

Posta un commento

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".