Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

mercoledì 30 giugno 2010

Boldrin: il meccanismo perverso del debito italiano non durerà a lungo

Michele Boldrin - Presidente del Dipartimento economia e professore della Washington University di Saint Louis, Missouri - a proposito del debito pubblico italiano: "Il meccanismo perverso in cui il politico spende per acquisire voti e consenso mentre un pezzo di paese risparmia e gli presta i soldi, non é detto che duri ancora per più di un quinquennio".

"Molti tendono a non capire quanto sia importante la crescita economica per il benessere di un paese" - dice Boldrin a proposito della mancanza di crescita in Italia - "La crescita viene dal fatto che le persone con maggiore talento si sforzano di creare maniere nuove di lavorare e di produrre".

"L'Italia non stava meglio quando c'era la lira che si poteva svalutare" - dice Boldrin - "La svalutazione non é altro che una maniera per ridurre salari e stipendi senza dirlo".


Nessun commento:

Posta un commento

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".