Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

domenica 24 settembre 2017

Draghi, il QE, l'euro e quello che l'Italia non fa

La Banca centrale europea mantiene il pacchetto di stimolo invariato. Mario Draghi è moderatamente preoccupato dall'andamento dell'euro, e indica ottobre per una decisione sul futuro del quantitative easing. La Bce migliora le previsioni per la crescita della zona euro di quest'anno al 2,2%, ma corregge al ribasso le aspettative sull'inflazione. L'Italia...

sabato 5 agosto 2017

Uno spostamento di qualità - AT

I guadagni registrati dell'azionario americano assecondano l'ottimismo degli strateghi di Wall Street. L'indice S&P500 è sui massimi storici, mentre gli indici europei sono rallentati dalla forza dell'euro. L'indice azionario Morgan Stanley della zona euro rimane ingabbiato in movimenti limitati senza una direzione precisa, mentre a Milano FTSE-MIB40...

lunedì 31 luglio 2017

Draghi, l'autunno sta arrivando

La Banca centrale europea rimanda la decisione sul prossimo passo verso la normalizzazione della politica monetaria a dopo l'estate e lascia forward guidance, stimolo e tassi invariati. Mario Draghi sta ancora aspettando che l'inflazione raggiunga livelli in linea con la crescita economica. L'euro sale, il mercato guarda oltre la conferma della situazione...

lunedì 26 giugno 2017

Borse col fiatone in attesa di ripartire - Analisi tecnica

Le obbligazioni dei paesi emergenti mostrano debolezza rispetto ai  titoli di Stato americani. Anche sul mercato azionario la forza relativa degli indici dei paesi emergenti è messa in discussione dal recupero delle Borse dei paesi più sviluppati. L'indice FTSE Italia All Share rallenta dopo aver realizzato un rialzo di circa il 50 percento nell'ultimo...

giovedì 22 giugno 2017

Draghi, un passo verso la fine dello stimolo e una bacchettata all'Italia

La Banca centrale europea fa un passo verso l'uscita dallo stimolo con la modifica della forward guidance che esclude ulteriori riduzioni dei tassi di interesse, ma ribadisce l'impegno a potenziare il programma di acquisto di attivi se necessario. Mario Draghi non ha ancora raggiunto i livelli di inflazione desiderati ed è preoccupato dall'andamento del mercato...

lunedì 29 maggio 2017

Un'estate di cautela - Analisi tecnica

Il debito contratto dagli investitori americani per acquistare azioni alla Borsa di New York raggiunge un nuovo massimo storico. Le Borse europee raggiungono i massimi toccati nel 2000 e nel 2007, adesso si avvicinano a resistenze importanti. Anche l'indice Nasdaq, che finora ha trascinato il mercato americano con i titoli tecnologici, affronta un ostacolo... 

venerdì 5 maggio 2017

Draghi tiene il piede sull'acceleratore, l'Italia sul freno

La Banca centrale europea lascia i tassi di interesse invariati al minimo storico e mantiene il programma di acquisto di attivi inalterato. Il presidente Draghi mostra entusiasmo sulla ripresa dell'economia, mentre l'inflazione ancora non convince e rimane il rischio geopolitico. I sondaggi fatti tra gli economisti suggeriscono che la banca centrale potrebbe dare...

martedì 11 aprile 2017

Meno azioni più obbligazioni - AT

La volatilità delle Borse mondiali è ai minimi degli ultimi dodici anni, ma non è ancora un motivo di preoccupazione per gli investitori. Negli Stati Uniti la variazione annuale del flusso di credito bancario, risulta negativa, mentre l'indice delle sorprese economiche è sui massimi. A Borsa Italiana l'indice che esclude il settore bancario affronta una significativa...

giovedì 16 marzo 2017

Draghi, non c'è più un senso d'urgenza e l'euro è qui per restare

La Banca centrale europea mantiene stimolo, tassi e forward guidance invariati, da dicembre 2016, mentre valuta la solidità del recente aumento dell'inflazione. Draghi è soddisfatto della ripresa e rassicura che  continuerà a sostenerla fino a quando diventerà solida, sottolinea che non c'è più un senso di urgenza nella politica monetaria della banca...

lunedì 13 marzo 2017

Nel migliore dei mondi, per ora - AT

Oltre un anno di sorprese economiche positive ha favorito il mercato azionario in confronto ai titoli di stato, un rapporto che è destinato a cambiare. Gli investitori temono che il surriscaldamento del ciclo economico potrebbe avere un effetto negativo sulle Borse mondiali. L'azionario americano non registra una perdita superiore all'uno percento da...