Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 8 dicembre 2016

Quando al mercato piace l'inflazione - AT

Il recupero del prezzo dei metalli per uso industriale stimola l'inflazione a livello globale. L'aumento delle aspettative inflazionistiche galvanizza i mercati azionari, con l'indice S&P500 che sale a nuovi massimi storici. Allo stesso tempo l'aumento delle aspettative inflazionistiche causa il rialzo, dei tassi di interesse su tutta la curva dei rendimenti e...

domenica 30 ottobre 2016

Draghi, lo stimolo funziona così com'è, per altro ripassate a dicembre

La Bce lascia il programma di stimolo e i tassi di interesse ancora invariati. Il presidente Draghi indica che il quantitative easing potrebbe finire in modo graduale e che la banca centrale potrebbe annunciare il prolungamento del programma a dicembre. Draghi conferma le aspettative di un avvicinamento dell'inflazione all'obiettivo entro i primi...

lunedì 10 ottobre 2016

L'Italia è ancora impreparata sui problemi di sempre - Analisi tecnica

Aumentano i rendimenti dei titoli di Stato negli ultimi due mesi, è un fenomeno globale che in Italia viene accentuato dalle problematiche interne. Sta per arrivare un'inversione della tendenza al calo dei rendimenti governativi che continua dal 2011, un'eventualità che ancora una volta coglierebbe impreparata l'Italia sugli stessi antichi problemi: debito...

sabato 24 settembre 2016

Draghi, guardate le cose fatte non quelle da fare

La Banca centrale europea mantiene il programma di stimolo invariato. Indica quindi di non vedere un immediato pericolo per la ripresa della zona euro, neanche dalla decisione della Gran Bretagna di lasciare l'Unione europea, ma molti osservatori si aspettano un intervento entro fine anno. La Bce affronta due problemi: una possibile scarsità di... 

domenica 4 settembre 2016

I mercati di cui non ci si può fidare - AT

L'indice FTSE-MIB si conferma il peggiore tra gli indici azionari mondiali, ma i dati macroeconomici iniziano a sorprendere in positivo gli economisti.  In Europa l'azionario è salito ma non abbastanza da invertire il mercato orso. A Wall Street l'indice S&P500, incoraggiato dall'aumento degli acquisti a leva, tenta di replicare l'esperienza di fine 2014, quando il...

mercoledì 3 agosto 2016

La Bce esamina l'impatto del Brexit

La Banca centrale europea lascia tassi e stimolo invariati ma è pronta ad agire ancora se necessario, quando l'impatto sull'economia del voto britannico a favore dell'uscita dall'Europa sarà evidente. Mario Draghi si dice a favore di un supporto pubblico alle banche italiane e diventa il funzionario europeo più potente a prendere una posizione... 

mercoledì 22 giugno 2016

La diffidenza sull'azionario non guasta - Analisi tecnica

Lo yuan continua a svalutarsi e contribuisce a rafforzare la deflazione nel resto del mondo. L'azionario americano limita le vendite con l'indice Standard & Poor's 500 che registra cali modesti mentre la volatilità sottolinea il nervosismo degli investitori. In Europa il ribasso si estende a tutte le società quotate. Nel Regno Unito anche la sterlina si prepara al...

domenica 12 giugno 2016

Draghi, non c'è ottimismo senza riforme

Mario Draghi rivela previsioni per l'inflazione e la crescita nella zona euro fondamentalmente invariate, nonostante l'effetto del potenziamento del programma di stimolo, e sottolinea ancora che l'azione troppo lenta dei governi indebolisce le politiche della banca centrale. La Bce lascia tassi e stimolo invariati, inizia a comprare obbligazioni aziendali e da questo...

sabato 7 maggio 2016

Meglio protetto che dispiaciuto - AT

I mercati azionari mondiali mostrano segni di affaticamento dopo tre mesi di rialzi. Borsa italiana rallenta, dopo la fase di recupero iniziata a febbraio, con gli investitori che si rivelano eccessivamente ottimisti. Il recente recupero dell'indice Standard & Poor's 500 non trova conferma nell'evoluzione del mercato valutario. Il dollaro si apprezza e comprime...

mercoledì 27 aprile 2016

Draghi invariato, irritato e senza elicottero

La Banca centrale europea lascia i tassi invariati al minimo storico e il programma di acquisto di attivi a 80 miliardi di euro al mese, ma c'è chi si aspetta un potenziamento dello stimolo durante l'estate. Un Draghi irritato avverte che gli attacchi tedeschi alla Bce sono controproducenti, ritardano il raggiungimento degli obiettivi e causano il bisogno di...