Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 5 maggio 2017

Draghi tiene il piede sull'acceleratore, l'Italia sul freno

La Banca centrale europea lascia i tassi di interesse invariati al minimo storico e mantiene il programma di acquisto di attivi inalterato. Il presidente Draghi mostra entusiasmo sulla ripresa dell'economia, mentre l'inflazione ancora non convince e rimane il rischio geopolitico. I sondaggi fatti tra gli economisti suggeriscono che la banca centrale potrebbe dare...

martedì 11 aprile 2017

Meno azioni più obbligazioni - AT

La volatilità delle Borse mondiali è ai minimi degli ultimi dodici anni, ma non è ancora un motivo di preoccupazione per gli investitori. Negli Stati Uniti la variazione annuale del flusso di credito bancario, risulta negativa, mentre l'indice delle sorprese economiche è sui massimi. A Borsa Italiana l'indice che esclude il settore bancario affronta una significativa...

giovedì 16 marzo 2017

Draghi, non c'è più un senso d'urgenza e l'euro è qui per restare

La Banca centrale europea mantiene stimolo, tassi e forward guidance invariati, da dicembre 2016, mentre valuta la solidità del recente aumento dell'inflazione. Draghi è soddisfatto della ripresa e rassicura che  continuerà a sostenerla fino a quando diventerà solida, sottolinea che non c'è più un senso di urgenza nella politica monetaria della banca...

lunedì 13 marzo 2017

Nel migliore dei mondi, per ora - AT

Oltre un anno di sorprese economiche positive ha favorito il mercato azionario in confronto ai titoli di stato, un rapporto che è destinato a cambiare. Gli investitori temono che il surriscaldamento del ciclo economico potrebbe avere un effetto negativo sulle Borse mondiali. L'azionario americano non registra una perdita superiore all'uno percento da...

martedì 31 gennaio 2017

Draghi, lo stimolo, il protezionismo e il conto per uscire dall'euro

Nella prima riunione del 2017 la Bce conferma la decisione presa a dicembre e mantiene il programma di acquisto di attivi e i tassi di interesse invariati. Il presidente Mario Draghi invita la Germania a mantenere la calma di fronte all'aumento dell'inflazione. La banca centrale rimane cauta anche in vista dell'incertezza politica che potrebbe caratterizzare il...

mercoledì 14 dicembre 2016

La Bce raddoppia il QE, preoccupano inflazione, crescita e populismo

La Banca centrale europea raddoppia il programma di stimolo all'economia dall'annuncio iniziale del gennaio 2015. La Bce agisce mentre il rischio politico limita le prospettive per la ripresa della zona euro, dopo Brexit, elezioni presidenziali americane e referendum italiano. Le nuove proiezioni della Bce mostrano livelli di inflazione e crescita ancora...

giovedì 8 dicembre 2016

Quando al mercato piace l'inflazione - AT

Il recupero del prezzo dei metalli per uso industriale stimola l'inflazione a livello globale. L'aumento delle aspettative inflazionistiche galvanizza i mercati azionari, con l'indice S&P500 che sale a nuovi massimi storici. Allo stesso tempo l'aumento delle aspettative inflazionistiche causa il rialzo, dei tassi di interesse su tutta la curva dei rendimenti e...

domenica 30 ottobre 2016

Draghi, lo stimolo funziona così com'è, per altro ripassate a dicembre

La Bce lascia il programma di stimolo e i tassi di interesse ancora invariati. Il presidente Draghi indica che il quantitative easing potrebbe finire in modo graduale e che la banca centrale potrebbe annunciare il prolungamento del programma a dicembre. Draghi conferma le aspettative di un avvicinamento dell'inflazione all'obiettivo entro i primi...

lunedì 10 ottobre 2016

L'Italia è ancora impreparata sui problemi di sempre - Analisi tecnica

Aumentano i rendimenti dei titoli di Stato negli ultimi due mesi, è un fenomeno globale che in Italia viene accentuato dalle problematiche interne. Sta per arrivare un'inversione della tendenza al calo dei rendimenti governativi che continua dal 2011, un'eventualità che ancora una volta coglierebbe impreparata l'Italia sugli stessi antichi problemi: debito...

sabato 24 settembre 2016

Draghi, guardate le cose fatte non quelle da fare

La Banca centrale europea mantiene il programma di stimolo invariato. Indica quindi di non vedere un immediato pericolo per la ripresa della zona euro, neanche dalla decisione della Gran Bretagna di lasciare l'Unione europea, ma molti osservatori si aspettano un intervento entro fine anno. La Bce affronta due problemi: una possibile scarsità di...